Sono nata in Argentina e risiedo in Italia dal 2004. Ho studiato Psicologia in Argentina e nel Regno Unito, dove mi sono laureata con una tesi sull’empatia e i neuroni specchio. Dal 2004 comincio ad interessarmi agli studi della coscienza che collegano le esperienze trascendenti o spirituali alla scienza e in particolare alla Psicologia Positiva e Transpersonale. Nel 2012, conclusa la scuola triennale per diventare Facilitatrice Titolare di Biodanza (sistema Rolando Toro) inizio a condurre corsi e seminari che facilitano la crescita personale, l’emersione dei talenti, la consapevolezza di genere e l’integrazione sociale. Attualmente frequento il programma biennale formativo di Terapia Transpersonale dell’Escuela Espanola de Desarrollo Transpersonal con sede a Madrid.

Dal 2004 al 2012 con la fondazione italo-argentina Gentes de Yilania, ho organizzato eventi e manifestazioni per diffondere una cultura di collaborazione tra i generi e per contrastare i fenomeni di violenza sulle donne. Dal 2012 conduco gruppi di Biodanza presso La Via dell’Albero a.p.s. di cui sono socia fondatrice. La Via dell’Albero, Centro Olistico del Casentino, promuove una visione sistemica e uno stile di vita olistico, consapevole dell’interconnessione tra corpo-mente-spirito e tra persona-comunità-ambiente. Nel nostro centro proponiamo attività che facilitano la conoscenza di sé, convinti che il vero cambiamento per co-creare un mondo più giusto, più bello e più sostenibile, sia il cambiamento interiore. Partecipiamo attivamente nel territorio facilitando nuove sinergie, progetti e opportunità di crescita collettiva.

Utilizzo metodi di facilitazione per la progettazione condivisa e per l’innovazione sociale, quale la biomimicry (biomimesi) applicata alle organizzazioni. Sono agente del cambiamento dell’Italia Che Cambia e della rete del Casentino Che Cambia. Coordino il gruppo IntegrActions – congiunzioni multiculturali, un progetto dove la Biodanza ed altre discipline olistiche diventano strumenti per l’integrazione sociale, presso La Via dell’Albero e in collaborazione con altre associazioni del territorio.

Amo danzare, cantare ed esplorare la mia dimensione interiore. Sento profondamente che il mio miglior contributo per co-creare una civiltà più empatica e consapevole sia quello di facilitare col mio lavoro il processo evolutivo delle persone. Mi impegno con gioia nel celebrare la sacralità della Vita ogni giorno.

 

Carolina Oro